News


  Serie D

 
Season Review
 
Non erano ancora passate 24 ore dalla finale persa lo scorso anno per la promozione diretta, che una domanda già girava per le stanze del direttivo del CM Basket: “E se domandassimo l’ammissione al prossimo campionato di serie D ?”.
I risultati sportivi ottenuti, il settore giovanile in continuo espandersi, l’interesse sempre maggiore del pubblico e un contributo tangibile dell’amministrazione comunale, spingevano verso quel passo avanti che avrebbe proiettato la squadra del presidente Molinaro verso una posizione di assoluto prestigio nel panorama cestistico della zona.
Certo, gli sforzi economici per la società sarebbero stati maggiori e la rosa dei giocatori non era mai stata provata nel suo insieme ai piani superiori, ma alla fine la decisione premiò la voglia del CM di mettersi in gioco in una avventura forse con qualche incognita ma decisamente stimolante.
Il progetto della società era chiaro fin dall’inizio, al fianco del gruppo storico che aveva portato la squadra a giocarsi gara 3 di finale, pur perdendola, sarebbero dovuti crescere i giovani del settore giovanile locale, in attesa di diventare la colonna portante del CM del futuro.
La prima tegola del nuovo progetto furono le dimissioni, ad estate inoltrata di coach Ioppolo che, per motivi personali, preferì farsi da parte. La società, dopo aver valutato alcune possibilità esterne, decise di conferire a Coach Emanuele Ricci, già responsabile del settore giovanile, la guida della prima squadra dopo aver valutato con lo stesso il progetto iniziale.
Fin dal primo giorno di raduno coach Ricci, coadiuvato dal suo vice Roberto Corino e dal preparatore atletico Federico Canegrati, figura che risulterà fondamentale anche per tutte le altre categorie del CM, si è messo al lavoro sul campo e a tavolino per preparare una stagione piena di incognite.
La prima storica vittoria in serie D, dopo un inizio traumatico con 4 sconfitte nelle prime 4 giornate, è arrivata tra le mura amiche alla 5° giornata contro i Milanesi del Mojazza; la società nel frattempo voglie al volo la possibilità di aggiungere al gruppo la G/A Ravasi, già con noi 7 anni fa, in uscita da Rovagnate e giocatore di categoria in serie D.
Questo e la crescita del gruppo ha portato a chiudere il girone d’andata a quota 5 vittorie, sufficienti per galleggiare sopra la zona play out. Fiore all’occhiello di questa prima parte di campionato la vittoria casalinga nel derby contro Gorgonzola e la doppia vittoria in trasferta contro Politecnico Milano e Urania, a cui si aggiunge la soddisfazione di vedere nelle prime posizioni della classifica marcatori Daniele Marchesi, ala forte al terzo anno tra i gialloblu.
Da segnalare in questa parte della stagione gli infortuni occorsi al giovanissimo Ramundo e al secondo innesto della squadra Daniel Conca entrambi fuori per tutta la stagione.
La prima parte del girone di ritorno, colpa anche di un calendario particolarmente ostico, ha di fatto riportato le Bees in una posizione di classifica pericolante, ma il lavoro in palestra e l’esempio dei veterani di lungo corso hanno tenuto alto il morale riuscendo nella seconda parte del girone a raccogliere le vittorie che hanno permesso addirittura a 40 minuti dal termine della stagione regolare di aspirare ad un posto tra le prime 8 squadre del girone.
La sconfitta occorsa nell’ultimo turno a Segrate nulla ha tolto alle ambizioni playoff della truppa di coach Ricci che anche in caso di vittoria avrebbe chiuso al 9° posto in virtù della classifica avulsa.
Anche in questo ottimo girone di ritorno sono da segnalare alcune vittorie fondamentali come le due trasferte sui campi di Mojazza (fondamentale per lo scontro diretto a favore al termine del campionato) e Cologno, e soprattutto la vittoria casalinga alla penultima giornata contro l’allora capolista Inzago, ottenuta in formazione rimaneggiata.
Annata che si chiude quindi nel migliore dei modi per il CM e classifica che premia l’ottimo lavoro svolto dallo staff tecnico e da un gruppo di atleti capaci di coniugare nel migliore dei modi passione e attaccamento ai colori sociali. A campionato finito, nella sede della società, il presidente Molinaro ha tenuto a ringraziare personalmente staff e squadra pressoché al completo per una stagione che siamo certi non dimenticheremo facilmente, facendo rimbombare ancora una volta l’urlo pre-partita, ormai marchio indelebile delle Bees: Giù tu….Giù noi!!